Post produzione e conversione

15 11 2011

Dopo il rientro ci siamo quasi illusi che i “lavori faticosi” fossero terminati, ma la grande quantità di foto scattate e di video girati ci hanno subito riportato con i piedi per terra. Il lavoro vero e proprio comincia adesso, in Bhutan abbiamo affrontato un’impresa faticosa e difficile ma non certo noiosa come l’elaborazione delle immagini.

La nostra grande fortuna risiede nel fatto che ogni immagine ha fermato un istante emozionante, una scheggia della nostra bellissima esperienza. Riaprire queste fotografie conduce la nostra mente in quei luoghi, ci porta quasi a percepire le sensazioni, i profumi che ci hanno circondato per un mese intero. L’esperienza rivive oggi in questi scatti che sono impressi nei cuori cosi come nelle memorie allo stato solido delle fotocamere.

Tecnicamente stiamo convertendo i file memorizzati dagli apparecchi Canon, dal formato RAW in file JPEG. Per farlo utilizziamo il software presente nel CD in dotazione alle stesse fotocamere.
Per capirci, senza la pretesa di essere esaustivi, la tecnica Raw, che in inglese significa “grezzo”, consiste in un particolare metodo di acquisizione e memorizzazione dei dati che descrivono un’immagine. Questo formato permette di non avere nessuna perdita di qualità nella registrazione, qualunque supporto di memoria venga utilizzato. Possiamo quindi affermare che un’immagine salvata in formato RAW, non subendo praticamente nessuna elaborazione al momento dello scatto (essa infatti contiene i dati grezzi cosi come catturati dal sensore) è l’equivalente digitale di un negativo, esposto ma non sviluppato.

tips-raw

Differenza tra l'acquisizione in RAW e JPEG

Il formato RAW è però molto pesante e mentre si presta a complicate post-elaborazioni per le foto professionali, è poco utilizzabile per la pubblicazione sul web o per l’utilizzo che la maggior parte di noi fa delle delle fotografie.

L’altra attività che ci tiene impegnati è quella di mettere insieme le immagini prodotte dai partecipanti alla spedizione, organizzarle nel migliore dei modi e raccoglierle in un DVD che possa contenere, almeno in parte, le emozioni vissute in terra bhutanese.
In cuor nostro speriamo che questo lavoro possa trasmettere, a coloro che lo vedranno, quelle sensazioni bellissime che ci hanno spinto e sostenuto nell’avventura appena terminata.

A presto per le prossime notizie.


Azioni

Information

One response

21 07 2013
Family guy

No matter the evidence says, Lil Za blames somebody else.
If you’re scanning this article you might have already found something passionate to write about, which is the initial step in locating a script together, all you have to now is time. But, if you pursue him crying and begging, he can look at you being needy and desperate.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: